Daniele Nava

SOTTOSEGRETARIO ALLE RIFORME ISTITUZIONALI, AGLI ENTI LOCALI, ALLE SEDI TERRITORIALI E ALLA PROGRAMMAZIONE NEGOZIATA DI REGIONE LOMBARDIA

COMUNICATI STAMPA
08/10/14 - Sicurezza, Daniele Nava: “800.000 euro a Comuni ‘fusi’ e unioni di Comuni”

“Promuoviamo processi virtuosi di integrazione tra enti”

Milano, 8 ottobre 2014 – Uno stanziamento di 800.000 euro per progetti infotelematici di sicurezza (400.000 per il 2014 e altrettanti per il 2015) da assegnare, tramite bando, a favore dei Comuni ‘fusi’ (che non hanno usufruito di contributi regionali con legge di fusione) o di Unioni di Comuni. È il progetto ‘Voucher digitale – Infosecurity’, adottato dalla Giunta regionale lombarda.

“Le aree di applicazioni sono ampie, tutte rivolte a operazioni di configurazione dei sistemi e dei loro  componenti (infrastrutture, reti dati e fonia, apparati, banche dati, applicativi software e approvvigionamento licenze), tese a uniformarli e a ridurne la vulnerabilità - dichiara il sottosegretario alle  Riforme istituzionali, Enti locali, Sedi territoriali e Programmazione Negoziata Daniele Nava - I partecipanti potranno chiedere un contributo fino al 50 per cento delle spese sostenute e ammissibili, per un massimo di 40.000 euro”.

È inoltre previsto per gli Enti, in collaborazione  con ‘Eupolis Lombardia - Istituto superiore per la ricerca, la  statistica e la formazione’, un percorso di formazione per  garantire l'uniformità operativa, la buona gestione e conduzione delle dotazioni tecnologiche strumentali e digitali, al quale potranno accedere anche addetti di Enti non finanziati. 

“Regione Lombardia continua a proporsi come soggetto promotore di un processo virtuoso di integrazione fra le Pubbliche amministrazioni che intende favorire la progressiva semplificazione e innovazione amministrativa, attraverso la digitalizzazione dei processi e delle procedure, mantenendo la capacità di governance degli Enti – conclude Nava - Tutto ciò con l’obiettivo di rispondere sempre meglio e in tempi ridotti alle esigenze dei cittadini e delle imprese, garantendo il contenimento dei costi”.

Il Bando sarà pubblicato nelle prossime settimane sul Bollettino ufficiale e sul portale di Regione Lombardia. 






03/10/14 - Voragine di Cremeno, Daniele Nava: “Cn lo sblocco del patto verticale possibilità di accedere a ulteriori fondi”

“Regione Lombardia sta facendo la sua parte e anche quella dello Stato per aiutare gli enti locali!”

Milano, 3 ottobre 2014 – Nulla è perduto per il Comune di Cremeno rispetto ai fondi da reperire per la sistemazione definitiva della voragine all’incrocio tra via Roma e via Milano che andrebbero ad aggiungersi a quelli stanziati da Regione Lombardia. Daniele Nava, Sottosegretario Riforme Istituzionali, Enti Locali, Sedi Territoriali e Programmazione Negoziata di Regione Lombardia, spiega infatti che “indicativamente entro il 15 ottobre, dalla Giunta regionale arriverà un incremento delle quote del cosiddetto patto verticale: 100 milioni di euro, nelle intenzioni del presidente Roberto Maroni, a disposizione per le prime emergenze in Lombardia con priorità per le scuole e per la difesa del suolo, come in questo caso”.  

Si tratta di denaro che i comuni lombardi hanno già nelle loro casse, ma che al momento non possono spendere per i vincoli del patto di stabilità. La Lombardia intende liberarne una parte, perché i comuni possano fronteggiare le esigenze più impellenti. Oltre a ciò, ricorda Nava, “la Regione sta facendo il possibile intervenendo direttamente anche su partite non di sua stretta competenza, come la voragine di Cremeno che è su una strada provinciale”. Un’azione che la Regione considera “imprescindibile, in quanto conosciamo bene i problemi che gli enti locali hanno per via del patto di stabilità e per la costante riduzione dei trasferimenti da parte dello Stato centrale, nonostante quanto cittadini e imprese versano a Roma con le loro tasse”.

Nava invita quindi “il Comune di Cremeno e la Provincia di Lecco a concentrare gli sforzi per una corretta formulazione della richiesta perché, con il supporto di Regione Lombardia, sia possibile risolvere in tempi brevi e in via definitiva il problema della voragine”.

 






30/09/14 - Sicurezza urbana, Daniele Nava: “Per Torre de’ Busi 100.000 euro: una risposta concreta alle esigenze di tutela delle persone e del territorio”

Milano, 30 settembre 2014 – Approvato oggi in Regione Lombardia, assessorato alla Sicurezza guidato da Simona Bordonali, il piano di assegnazione del cofinanziamento regionale per la realizzazione di progetti in materia di sicurezza urbana.  In provincia di Lecco due i comuni che hanno ottenuto il cofinanziamento. Torre de Busi (associato a Caprino Bergamasco) avrà un contributo di 100 mila euro (il massimo consentito), a fronte di un progetto di 160 mila euro. Robbiate, con Paderno d’Adda e Verderio, verrà finanziato per 26.674,89 euro.

“Era dal 2009 che i nostri sindaci non beneficiavano di contributi in conto capitale su questo fronte, nonostante le richieste pressanti – spiega Daniele Nava, Sottosegretario Riforme Istituzionali, Enti Locali, Sedi Territoriali e Programmazione Negoziata di Regione Lombardia – L’alto numero delle domande (255 di cui 10 dal Lecchese) testimonia quanto fosse sentita la necessità di un sostegno economico in un momento in cui il numero di furti a Lecco e nel territorio è in forte aumento e l’insicurezza diffusa. Regione Lombardia ha risposto con un’azione concreta, stanziando complessivamente tre milioni di euro”.

“Quello di Torre de’ Busi e di Caprino è un progetto per un Sistema integrato di sicurezza urbana con rilevazione delle targhe in entrata e in uscita, collegato alla stazione dei Carabinieri di Calolziocorte, con la realizzazione di ponti radio, l’acquisto di computer e di dotazioni software, anche per la caserma dell’Arma, e pure di un’auto per la Polizia locale. L’azione di controllo andrà dalla statale di Pontida-Cisano fino a Calolzio”, spiega Eleonora Nincovic, sindaco del comune della Valle San Martino.

“Il contributo di Regione Lombardia arriva in un momento in cui la popolazione ha davvero paura e non si sente sicura pensino dentro la propria casa – prosegue il primo cittadino - Dopo aver pagato le tasse, si sente violata anche nella sua intimità, a qualunque ora del giorno e della notte. A Torre de’ Busi i ladri sono entrati persino nelle camere dei bambini. Tra aprile, maggio e giugno in una frazione di Caprino hanno violato le villette in cui vivono giovani famiglie”.

A Torre de’ Busi i ladri hanno rubato anche canali di rame e a Caprino computer in una scuola.






26/09/14 - Bacino del Lario, Nava: “Sbloccati 22.000 euro per Vercurago e 150.000 euro per Lierna”

26 settembre 2014 – Sono stati sbloccati ieri da una convenzione sottoscritta dall’assessore alle Infrastrutture e alla Mobilità Alberto Cavalli con l’autorità di bacino lacuale del Lario importanti stanziamenti. E a beneficiarne saranno anche i comuni lecchesi di Lierna e di Vercurago.

A comunicarlo è il sottosegretario alle Riforme istituzionali, agli Enti locali, alle Sedi territoriali e alla Programmazione negoziata di Regione Lombardia Daniele Nava che precisa: “A Vercurago andranno 22.000 euro per il completamento della pista ciclabile sul lungolago. Lierna potrà invece contare su 150.000 euro per la riqualificazione di piazza IV Novembre e discesa a lago (passeggiata Castiglioni)”.

In generale i fondi dovranno essere usati per il miglioramento del trasporto e la valorizzazione delle sponde (attraverso la riqualificazione di porti e pontili), per la navigazione pubblica e da diporto, nonché per la realizzazione di passeggiate a lago. “Regione Lombardia, attraverso l’assessorato alle Infrastrutture e alla Mobilità, ha risposto alle richieste avanzate dai Comuni, tramite le Autorità di bacino, mediante il finanziamento degli interventi per i quali si prevede l'immediato avvio dei cantieri che partiranno nel corso del 2014 e che termineranno entro la fine del prossimo anno”, conclude Nava.

Il finanziamento regionale interviene per il 50 per cento del costo dell'opera, mentre la restante parte è assicurata dal Comune interessato.

 






19/09/14 - Daniele Nava: “Il centrodestra? Vincente, ma con un’alleanza forte”

“Spiace constatare come alcuni esponenti di Forza Italia e Fratelli d’Italia, che non sono  stati in grado di raccogliere le firme per presentare liste autonome innanzitutto in vista delle prossime elezioni provinciali, continuino a non capire che il futuro per il centrodestra potrà essere ancora vittorioso soltanto con la rifondazione di un’alleanza che i primi a volere sono i nostri elettori”.

Così l’esponente di NCD e sottosegretario regionale Daniele Nava interviene rispetto alle recenti prese di posizione da parte di alcune compagini di centrodestra.

“Fortunatamente altri esponenti di entrambe queste due formazioni politiche hanno capito, scegliendo di candidarsi nella lista, lo spirito con cui moltissimi amministratori hanno dato vita al progetto “Libertà e autonomia”, primo laboratorio per un centrodestra unito, che possa guardare con fiducia ai prossimi appuntamenti elettorali”, prosegue Nava.

“Per alcuni personaggi sono sempre di attualità il buon vecchio Fedro e la sua bellissima favola “La volpe e l’uva”! – stigmatizza Nava – NCD, esponenti storici di FI e di FdI e molti esponenti della società civile (senza tessera di partito, che si riconoscono nei nostri valori) vanno avanti, sulla strada di una costruttiva alleanza, animati da spirito di servizio e mettendo responsabilmente una pietra tombale sulle polemiche perché hanno a cuore, prima di tutto, l’interesse dei cittadini”.





Pagine:   Inizio... 5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  
EVENTI
ULTIME NEWS



Design? OscarNet