Daniele Nava

SOTTOSEGRETARIO ALLE RIFORME ISTITUZIONALI, AGLI ENTI LOCALI, ALLE SEDI TERRITORIALI E ALLA PROGRAMMAZIONE NEGOZIATA DI REGIONE LOMBARDIA

Inserito il 30/11/15 | 0 commenti

COMUNICATO STAMPA

 

Paritarie, Piazza e Nava al lavoro in Regione con un emendamento per ripristinare i fondi alle scuole dell’infanzia

Daniele Nava: “Non tagliamo servizi essenziali per le famiglie”

Mauro Piazza: “Abbiamo sempre difeso il principio della libertà di educazione”
 

Milano, 30 novembre 2015 – “Presenteremo un emendamento per chiedere il ripristino dei fondi per le scuole dell’infanzia non statali. Tagliare su questo tipo di servizi vuol dire colpire, in un momento di grave crisi, direttamente le famiglie che più subiscono l’attuale congiuntura economica”. Il consigliere regionale Mauro Piazza annuncia così l’intenzione del Nuovo Centrodestra in Regione Lombardia di depositare un emendamento al bilancio di previsione 2016 per chiedere il ripristino dei fondi per le scuole paritarie dell’infanzia.

 

“Le scuole paritarie dell’infanzia rappresentano una realtà indispensabile e irrinunciabile per molte famiglie lombarde, tanto da essere frequentate da un numero superiore di bambini rispetto a quelle comunali – sottolinea Piazza - Sostenere questi istituti, gestiti da soggetti privati, vuole dire declinare in modo concreto i principi di sussidiarietà e di libertà sanciti nella Costituzione e valorizzati pienamente nello Statuto di Autonomia della Lombardia.”

Piazza potrà contare sull’appoggio di Daniele Nava, sottosegretario lecchese del NCD, che si attiverà in Giunta con il Presidente e con gli assessorati competenti perché vengano reperiti i fondi necessari: “Chiederemo a Maroni di riconsiderare questa decisione e accogliere il nostro emendamento –  conferma Nava - La Regione non può continuare a sostituirsi ai pesanti tagli effettuati dai vari Governi nazionale, ma riteniamo prioritario garantire alle famiglie e ai bambini un sistema di educazione che sappia promuovere una libertà di scelta che, in molti casi, si sostituisce al servizio statale”.

“Abbiamo sempre difeso il principio della libertà della scelta educativa, come singoli e come Nuovo Centrodestra – concludono Nava e Piazza – A chi urla allo scandalo, a mezzo stampa, per i tagli di una regione, la Lombardia, sempre più penalizzata da Roma, preferiamo rispondere con la concretezza dei fatti e, nella fattispecie, di un emendamento finalizzato a ripristinare lo status quo”.






Inserito il 25/11/15 | 0 commenti

Milano, 25 novembre 2015 – Per il territorio della Brianza Lecchese "ci sono già molte risposte positive da parte della Regione Lombardia su numerosi aspetti". E' quanto ha detto ieri il sottosegretario alle Riforme istituzionali, Enti locali, Sedi territoriali e Programmazione negoziata della Regione Lombardia Daniele Nava, intervenendo in Consiglio regionale nella discussione relativa alla mozione, approvata all'unanimità, 'Istanze e priorità del territorio della Brianza lecchese rispetto all'azione di Regione Lombardia'. Il documento è l'esito della visita effettuata nello scorso mese di gennaio nel territorio della Brianza lecchese da parte del Consiglio regionale.

I PRINCIPALI CAMPI DI AZIONE - Tra i principali interventi, il sottosegretario ha ricordato: prevenzione del dissesto idrogeologico; rispristino delle condizioni di sicurezza post calamità; manutenzione idraulica; potenziamento dei collegamenti del trasporto pubblico (Linee ferroviarie S8 e S7 e corsa aggiuntiva partita dopo Expo tra Como e Lecco in particolare); riqualificazione di aree industriali dismesse; interventi di edilizia popolare (con la messa a disposizione di nuovi alloggi); iniziative di informatizzazione a favore degli Enti locali.

RISORSE TAGLIATE - "Rimane su tutto un’incognita sul futuro - ha proseguito Nava - Infatti le esigenze dei territori crescono, ma ci sono livelli di governo superiori a quello della Regione che sembrano fare il contrario di quanto occorre. Ogni anno le risorse che possono essere destinare da Regione Lombardia ai territori diminuiscono in maniera drammatica.

"Le risposte che diamo - ha concluso Nava - devono dunque essere commisurate alla realtà con cui dobbiamo confrontarci, ma noi continueremo a fare tutto il possibile perché le esigenze dei territori vengano soddisfatte nella maniera migliore".






Inserito il 20/11/15 | 0 commenti

Milano, 20 novembre 2015 – "Auspico che l'indagine 
conoscitiva sulle Gestioni Associate Obbligatorie dei Comuni 
avviata dal Parlamento, la cui conclusione è prevista per il 10 dicembre, non porti solo all'ennesima proroga della scadenza per adeguarsi alla legge (fissata al 31 dicembre), ma 
anche e soprattutto alla revisione parziale della norma, in modo 
da correggere i suoi punti di debolezza".

È quanto ha detto, questa mattina, il sottosegretario alle Riforme istituzionali, Enti locali, Sedi territoriali e Programmazione negoziata della Regione Lombardia, Daniele Nava, che ha discusso di questo tema con i rappresentanti delle Prefetture lombarde, collegati in video conferenza. Scopo del confronto è stato quello di fare il 
punto sullo stato di attuazione delle Gestioni Associate 
Obbligatorie dei Comuni lombardi, in vista dell'audizione che 
Regione Lombardia, insieme alle altre Regioni, avrà il 2 
dicembre prossimo alla Camera dei Deputati, nell'ambito 
dell'indagine conoscitiva del Parlamento.

RENDERE LEGGE PIÙ VICINA A ESIGENZE TERRITORI - "In un anno e 
mezzo di lavoro abbiamo potuto toccare con 
mano che, così com'è, la legge non va bene. E' necessario modificarne il contenuto per renderla più adeguata alle esigenze 
del territorio - ha spiegato Nava - E' quello che diremo nel corso dell'audizione del 2 dicembre. Spero e penso che anche le altre Regioni diranno 
le stesse cose. Le norme vanno attuate in via definitiva ma 
possibile, per non buttare via esperienze positive già in essere e ottenere davvero risparmi ed efficienza".

"E' 
necessario inoltre - ha detto ancora Nava - che vengano 
riconosciute le peculiarità della Lombardia rispetto alle altre 
Regioni, tenendo conto, ad esempio, delle difficoltà legate alla 
posizione territoriale, della presenza di molti Comuni di 
piccole dimensioni, la maggior parte dei quali sono soggetti 
all'obbligo di Gestione associata".

 

IMPEGNO PREFETTURE E REGIONE - Nava, riconoscendo il positivo 
lavoro di accompagnamento ai Comuni svolto dalla Prefetture, ha 
ricordato infine l'impegno della Regione nel venire incontro 
alle esigenze degli Enti locali, favorendo al contempo l'associazione delle funzioni. Tra le altre misure, il 
sottosegretario ha ricordato le deroghe concesse alla Gestione 
Associata Obbligatoria a 78 Comuni e la modifica del Regolamento 
per i finanziamenti (4,5 milioni) alle Unioni di Comuni, che 
riserva i fondi solo a quelle Unioni che gestiscono in comune 
almeno cinque funzioni fondamentali. 






Inserito il 20/11/15 | 0 commenti

Milano, 20 novembre 2015 – Su proposta dell'assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione Simona Bordonali, la Giunta regionale ha approvato oggi lo stanziamento di 8,6 milioni di euro a favore di Comuni, Unioni di Comuni e Comunità montane per la realizzazione di progetti di sicurezza urbana e per l'installazione di sistemi di videosorveglianza. Lo riferisce il sottosegretario Daniele Nava al termine dei lavori dell’Esecutivo lombardo.

Il bando da 5 milioni di euro sarà pubblicato a breve e andrà a cofinanziare gli Enti che presenteranno progetti per la realizzazione di sistemi di videosorveglianza. Gli altri 3,6 milioni serviranno per il rinnovo del parco autoveicoli e l'acquisto di dotazioni tecnico strumentali; questo bando sarà attivato nel 2016.

“Assistiamo a continui tagli delle risorse agli Enti locali da parte di Roma. E il comparto della sicurezza è uno dei più penalizzati. Come Regione Lombardia andiamo controcorrente e continuiamo, attraverso un’attenta gestione della spesa, a reperire risorse per i cittadini e i Comuni – puntualizza il sottosegretario –  Con questi stanziamenti anche le piccole municipalità che non hanno budget specifici potranno attrezzarsi. E considerato il periodo direi che la sicurezza è uno dei temi principali da affrontare: penso in particolare alle telecamere (realizzazione ex novo ma anche implementazione e  sostituzione di sistemi esistenti) per un maggior controllo del territorio e per un’attività di prevenzione”.

I progetti finanziati, pena la revoca del contributo, devono essere realizzati entro il 31 agosto 2016.






Inserito il 16/11/15 | 0 commenti

Milano, 16 novembre 2015 – “La Giunta della Regione Lombardia, su proposta dell'assessore alle Infrastrutture e Mobilità Alessandro Sorte, ha deciso di stanziare 300.000 euro per la prima fase dei lavori di miglioramento della funzionalità della SP 65 'di Esino'”.

Lo riferisce il sottosegretario alle Riforme istituzionali, Enti locali, Sedi territoriali e Programmazione negoziata della Regione Lombardia Daniele Nava che evidenzia come "con questo finanziamento Regione Lombardia risponde alle esigenze segnalate dal territorio relativamente a un’arteria di collegamento importante dal punto di vista economico e dell'attrattività turistica".

"Si tratta di una prima tranche di fondi, messi a disposizione dalla Regione, anche in vista dell'importante appuntamento che vedrà protagonista Esino Lario nel giugno 2016 con il raduno mondiale di Wikimania, che richiamerà sul territorio migliaia di appassionati dell'enciclopedia on line Wikipedia. La sistemazione della SP 65 rappresenta un tassello importante per lo sviluppo dell'intera Val d'Esino e Riviera; l'auspicio è che, con il contributo di tutti, si possano trovare i fondi per l'intero piano delle opere previsto", conclude Nava.






Inserito il 05/11/15 | 0 commenti

Milano, 5 novembre 2015 – "Con l'apertura di questo ulteriore tratto della Pedemontana per i cittadini e le imprese lecchesi sarà più facile raggiungere Malpensa. Si tratta dunque di un ulteriore passo avanti, per rendere il  territorio più competitivo ed efficiente". E' stato questo il commento del sottosegretario alle Riforme istituzionali, Enti locali, Sedi territoriali e Programmazione negoziata della Regione Lombardia Daniele Nava, all'apertura odierna del tratto B1 della Pedemontana Lombarda che collega l'autostrada A9 in Lomazzo alla ex SS35 Milano-Meda a Lentate sul Seveso.

"Ridurre i tempi di percorrenza e di fruibilità delle nostre strade significa migliorare la vita di lavoratori e imprese – ha proseguito Nava - Le nostre aziende sono competitive se la nostra viabilità e le interconnessioni sono all'altezza delle sfide della modernità e in linea con gli standard europei".

"Regione Lombardia è consapevole delle criticità del sistema degli Enti locali per gli interventi sulla viabilità – ha concluso Nava - E' quindi intervenuta recentemente con l'approvazione del Protocollo di Intesa con l'Unione delle Province Lombarde per la concessione di contributi straordinari che serviranno anche per interventi sulla viabilità di interesse regionale".

 






Inserito il 25/10/15 | 0 commenti

Milano, 23 ottobre 2015 – “La Giunta di Regione Lombardia ha stanziato oggi 3 milioni di euro per le comunità montane e di questi 237.000 euro andranno alle CM lecchesi”. Lo riferisce il sottosegretario alle Riforme istituzionali Daniele Nava al termine dei lavori odierni dell’Esecutivo lombardo.

Per la Comunità Montana Valle San Martino sono previsti 103.687,06 euro come contributo per interventi di manutenzione territoriale e 18.297,72 euro come anticipazione per le spese di gestione degli interventi; per la Comunità Montana Valsassina, Valvarrone, Val d’Esino e Riviera i valori sono rispettivamente di 97.773,12 euro e di 17.254,08 euro. Si tratta di fondi destinati alla valorizzazione della montagna e, in particolare, a “interventi di conservazione ambientale e difesa del suolo (comprese le manutenzioni idraulico forestali sul reticolo idrico minore e principale), alla sistemazione della viabilità minore e della viabilità agro-silvopastorale, con particolare attenzione alle opere di regimazione delle acque di ruscellamento, alla sistemazione di ammassi rocciosi instabili e, infine, a interventi sul patrimonio boschivo finalizzati alla riduzione del rischio idrogeologico”, spiega Nava.






Inserito il 19/10/15 | 0 commenti

Milano, 19 ottobre 2015 – Sono state premiate questa mattina in Regione Lombardia sei attività commerciali attive in provincia di Lecco ammesse alla premiazione dei “Negozi storici” che si è svolta all’auditorium Testori, alla presenza dell’Assessore al Commercio Mauro Parolini e del Sottosegretario alle Riforme Daniele Nava. Si tratta di - Colombo di Casatenovo (1950), Negozio Storico 
 - Tabaccheria di Galbiate (1953), Storica Attività 
 - Gioielleria Nani di Mandello Del Lario (1943), Storica Attività 
 - Il Regalo di Mandello Del Lario (1912), Storica Attività 
 - Il Forno Panificio Pasticceria di Missaglia (1956), Storica Attività 
 - Dal 1897 Trattoria Cantù di Olginate (1897), Storica Attività “Rispetto allo scorso anno sono più che triplicati i riconoscimenti, a dimostrazione della capacità di mantenere la vostra competitività nonostante la crisi e i rapidi cambiamenti imposti dal mercato”, ha evidenziato ai premiati l’Assessore Parolini durante la cerimonia di oggi.
 “Il riconoscimento di “negozio storico” e di “storica attività” viene assegnato dalla nostra Regione per la capacità di preservare e valorizzare l’attività o il luogo oggetto dell’attività d’impresa da almeno cinquant’anni - commenta il sottosegretario Nava - Con questa segnalazione Regione Lombardia riconosce un valore importante, quello di famiglie che hanno gestito per più di cinquant’anni un negozio o un’attività, adeguandosi ai tempi, ma salvaguardando la tradizione. Da lecchese sono lieto che anche quest’anno il nostro territorio sia stato ben rappresentato”.






Inserito il 02/10/15 | 0 commenti

Milano, 2 ottobre 2015 – Quasi tre milioni di euro per la Provincia di Lecco sono stati stanziati questa mattina dalla Giunta di Regione Lombardia.

Lo ha comunicato il sottosegretario regionale Daniele Nava dopo i lavori dell’esecutivo lombardo di oggi: “E’ un intervento straordinario che porta una bella boccata d’ossigeno alla Provincia di Lecco. 1.950.000 euro andranno a investimenti in conto capitale per interventi di manutenzione straordinaria e per il ripristino della viabilità. Penso in particolare al completamento delle opere per la viabilità a Cremeno dopo lo smottamento dello scorso anno”. Ma non è tutto: “186.858 euro sosterranno le spese per la disabilità, soprattutto per quanto riguarda il trasporto e l’assistenza. Infine abbiamo altri 702.551 euro per funzioni attribuite alle province dalla legge regionale 19/2015”, aggiunge Nava.

Il sottosegretario non fa sconti: “All’irresponsabilità del Governo, che ha tolto ai territori le risorse per i servizi essenziali, Regione Lombardia risponde con un atto di grande responsabilità che va a sostegno delle famiglie con soggetti portatori di handicap e della cittadinanza intera con denaro che andrà alla manutenzione di strade colabrodo”.

“Da Roma continuano ad arrivare tagli agli enti locali, i quali non riescono a garantire i servizi (manutenzione delle strade, i trasporti e l’assistenza a chi è meno fortunato) e che, arrivati a questo momento dell’anno, sono a rischio default. La Lombardia ancora una volta non è rimasta a guardare e ha deliberato questi stanziamenti che permetteranno a tutte le province lombarde di approvare i bilanci entro il termine fissato dalla normativa statale e di evitare in questo modo un possibile commissariamento”, commenta l’assessore Antonio Rossi.

Nel complesso l’intervento odierno di Regione Lombardia si attesta a 30 milioni di euro, di cui sette destinati all’assistenza e al trasporto dei disabili, come era stato definito a seguito dell’intesa con le Province lombarde siglata nello scorso mese di aprile.

 

 






Inserito il 21/09/15 | 0 commenti

Milano, 21 settembre 2015 – Sei interventi prioritari e urgenti di manutenzione dei corsi d'acqua e delle opere idrauliche per un valore di 690.000 euro: questi i numeri delle azioni definite, venerdì scorso, per il territorio lecchese dalla Giunta regionale lombarda. Notevole l’importo sul Meratese con 140.000 euro.

A darne notizia è il sottosegretario Daniele Nava che commenta: “Questo stanziamento è l’ennesima prova che Regione Lombardia è attenta ai problemi del territorio e non appena lo Stato centrale dà la possibilità di spendere i pochi soldi - dei tanti che produciamo - lasciati ai lombardi, immediatamente questi vengono assegnati al territorio all’insegna del pragmatismo e del buon governo”.

Nel dettaglio:

Airuno, Brivio, Calco, Imbersago, Olginate, Paderno d'Adda e Robbiate: alzaia fiume Adda (adeguamento vegetazione nel tratto arginale), 40.000 euro;

Merate: torrente Molgora (rifacimento muri d'argine e taglio vegetazione in alveo), 100.000 euro;

Barzio, Cortenova, Introbio, Pasturo e Primaluna: torrente Pioverna (ripristino briglie, scogliere e argini danneggiati), 350.000 euro;

Erve: torrente Gallavesa (rifacimento di soglie e scogliere), 60.000 euro;

Olginate, Valgreghentino: torrente Greghentino (riduzione della vegetazione in alveo), 100.000 euro;

Varenna: torrente Esino (manutenzione selciatone di fondo), 40.000 euro.

L’intervento complessivo sul territorio regionale è di 9 milioni di euro, stanziati su proposta dell'assessore al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo Viviana Beccalossi per 67 nuove opere per 'Interventi prioritari e urgenti di manutenzione dei corsi d'acqua e delle opere idrauliche'.





Pagine:   1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  
EVENTI


Design? OscarNet